Press "Enter" to skip to content

L’architettura siciliana: un crocevia di usi e costumi

La storia dell’architettura siciliana potrebbe tranquillamente riempire un’enciclopedia per la ricchezza di particolari che arricchiscono le case tradizionali della Sicilia rurale e quella delle isole minori.

Dalla Magna Grecia ai giorni nostri

La ricchezza dell’architettura siciliana nasce proprio dall’incontro di popolazioni e culture che per millenni hanno transitato su questa terra meravigliosa. Da sola, la Sicilia, rappresenta una raccolta particolareggiata di elementi dell’architettura mediterranea che, a partire dal 1500 a.C.  in poi, hanno tracciato i tratti delle tipiche strutture del territorio.

Dalla Magna Grecia, all’Impero Romano d’Occidente, dall’arabo–normanno al barocco. Basta visitare l’isola per incappare in strutture rurali nate grazie alla sua meravigliosa posizione, siti archeologici come Segesta, Agrigento, Selinunte, Mozia, Tindari, Taormina e Siracusa. Una delle più belle testimonianze di raffinata bellezza, ci arriva da Villa del Casale di Piazza Armerina che ha portato ai nostri occhi un mosaico di immane finezza.

Una caratteristica comune che si va perdendo

Le case più comuni avevano determinate caratteristiche che si sono portate avanti per secoli: muri in scagliola bianca, terrazze al posto dei tetti, finestre piccole e, all’interno delle case, niente porte, tutto per combattere il forte caldo e sfruttare al massimo le correnti d’aria e i venticelli che arrivavano dal mare.

Oggi le cose sono cambiate a causa dei cambiamenti climatici. Le case che non avevano mai visto un impianto termico, pian piano si stanno munendo di riscaldamento per combattere gli inverni che si fanno sempre più aggressivi. Gli infissi esterni sono sempre più resistenti all’intrusione di caldo e di freddo, mentre le porte interne si utilizzano tra le varie stanze per conservare meglio la temperatura interna e combattere quella esterna.

È incredibile come per millenni si siano mantenute gli stessi accorgimenti architettonici e poi, nel giro di poche decine di anni, tutto sia cambiato completamente, capovolgendo ogni tecnica utilizzata fino a poco tempo prima.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *