Press "Enter" to skip to content

Tarocchi preziosi di Gianluca Biscalchin

I Tarocchi d’oro di Biscalchin

FABRIANO Boutique a Roma ospita dall’11 al 27 maggio 2018 una particolarissima mostra, ovvero un progetto itinerante che con esposizioni dedicate a tutti gli artisti che hanno creato una personale interpretazione dei Tarocchi; ovviamente ognuno in maniera differente. Nello specifico facciamo riferimento a Gianluca Biscalchin che ha studiato, e disegnato alcune carte dei Tarocchi, solo 14 ma di una bellezza e intensità uniche;  immagini preziose per la doratura e disegnate a china su carta. La regina, il re, l’appeso, il fante, la morte, per citare le più significative della lettura dei tarocchi

Tra scrittura e disegno

Biscalchini gioca sull’interpretazione fantasiosa delle trasformazioni,  nelle sue carte infatti gli esseri umani diventano piccioni, in un’allegoria carica di significati. L’autore di queste carte, ovvero Gianluca Biscalchin,  è un giornalista e illustratore, specializzato in gastronomia, viaggi, libri e altro; scrive e disegna, traendo da due diversi modi di comunicare il suo regno ispirativo; un talento dal quale scaturiscono microcosmi frutto di elaborazioni emozionali.

Gianluca con intelligente ironia ha cosi commentato il suo progetto “tarocco”

Non so niente di arcani, di segni zodiacali, di lune traverse e ingressi planetari. Ma l’estetica dei tarocchi mi ha sempre sedotto, con la sua serialità e le possibilità giocose che implica. È bastato immettere la mia ossessione per i piccioni nelle forme dei mazzi Visconti dell’Accademia Carrara di Bergamo e della Morgan Library di New York per creare questi falsi: falsi i soggetti, falso l’oro, falsi i nomi… In fondo sono un artista tarocco.

La mostra

I tarocchi d’oro di Biscalchin sono esposti a roma fino al 27 maggio allo spazio Fabriano boutique che si trova in via del Babuino 173. Il progetto è itinerante quindi presto le carte d’oro saranno visionabili altrove in Italia; sempre con l’esposizione delle 14 opere a china e foglia d’oro su carta del giornalista e illustratore veneto.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *