Press "Enter" to skip to content

Viaggiare: tutto quello che può essere utile

Viaggiare: quello che può essere utile è un app

Organizzare un viaggio

Pianificare un viaggio non è una cosa semplicissima: ci sono tanti aspetti da tenere in considerazione, a cominciare dalle prenotazioni, sia per i voli che per gli alberghi, sia per quanto riguarda i tavoli di ristorante. Le cose da fare sono tantissime prima di partire, ma anche dopo la partenza. Per avere tutto sotto controllo bisogna prendere l’abitudine di segnare degli appunti, prendere nota di tutto quello che ci può interessare una volta arrivati sul luogo di vacanza o di lavoro. Dall’intrattenimento, alle foto, ai posti dove mangiare o dove alloggiare, i percorsi e luoghi di interesse e tanto altro. Una volta scelta la meta, fare una lista che programmi le tappe del proprio viaggio è un ottimo inizio, anche per evitare di sprecare il proprio tempo e ottimizzarlo al meglio, nonché per comprendere la media delle spese da sostenere.

L’aiuto in vacanza si chiama app

Come in tanti altri settori anche per un viaggio troviamo aiuto attraverso le app che possiamo installare sullo smartphone. Non mancano le applicazioni legate alle città, da quelle che riguardano i percorsi delle metro e gli altri mezzi pubblici a quelle relative ai musei e altre attrazioni da visitare (con orari, prezzi, sconti e via dicendo). Gli aiuti virtuali sono davvero tanti e anche irrinunciabili per chi desidera pianificare una vacanza in ogni dettaglio. Se abbiamo bisogno di sapere o trovare delle informazioni, basta consultare una di queste applicazioni per avere una risposta e organizzarsi di conseguenza. I portali più rinomati come TripAdvisor (fido alleato di chi cerca opinioni altrui), Airbnb (ideale per prenotare un alloggio alternativo e spesso più economico rispetto a un albergo), Skyscanner (uno dei migliori quando si tratta di comparare i prezzi di voli per trovare il più basso) non possono mancare ma esistono anche altre applicazioni proposte da Google che ci possono aiutare in viaggio. Maps è senza dubbio d’ausilio per spostarsi, conoscere il percorso più breve in terre straniere e avere sempre sotto chiave la mappa della città, ma non è l’unica risorsa che il motore di ricerca più utilizzato al mondo può offrire; Google Arts & Culture è una chicca che non tutti conoscono e consente di saperne di più in merito a opere d’arte presenti in musei di tutto il mondo. Se non avete intenzione di pagare per una guida o vi trovate in una città dove non sono presenti informazioni sulle opere esposte, potrà senza dubbio farvi comodo.

Applicazioni per prenotare gli spostamenti

Molte applicazioni si rivelano utili in viaggio ma sono meno conosciute e occorre fare qualche ricerca per trovarle. Tutto sommato basta qualche minuto visualizzando, ad esempio, le app correlate partendo da una più rinomata.

Se ancora non sapete dove andare, potreste scaricare Hopper, un’applicazione che sfrutta gli algoritmi predittivi e analizza un database enorme di prezzi e di voli di tutte le compagnie aeree; aiuta ad acquistare un biglietto aereo nel momento giusto, ovvero quando ci sono in atto promozioni o sconti.

Un’altra applicazione molto utile e interessante é Virail, una piattaforma di viaggio davvero completa che offre info su aerei, treni, autobus, carsharing. Questa simpatica app aiuta moltissimo a raggiungere qualsiasi località, anche la meno servita in tutto il mondo.

Per chi ama invece le vacanze on the road è utile installare nel telefono Yescapa, in particolare se avete intenzione di mettervi alla guida per scoprire nuove località. L’app in questione fornisce in modo dettagliato e aggiornato tutto quello che può essere utile a chi viaggia in camper.

App per fare le valigie

Per non farci mancare nulla possiamo scaricare anche Pack Point, una divertente app che ci insegna come fare la valigia perfetta. Questa applicazione è utile per chi ha la cattiva abitudine di portare con di portare con sé troppi bagagli.

Tra tutte le applicazioni utili non possiamo assolutamente dimenticare Calconverter, soprattutto se l’intenzione è quella di effettuare delle vacanze all’estero. Questo convertitore di valuta ci aiuta a comprendere meglio la moneta del paese dove stiamo andando, è disponibile in 24 lingue e ha una funzione di base come calcolatrice e permette di convertire 600 unità di misura differenti.

Orientarsi in città straniere

Per chi ha problemi di orientamento è stata creata Sidekix: si tratta di un pianificatore efficace per i percorsi urbani che aiuta a trovare la strada giusta e la destinazione desiderata, senza perdersi in città sconosciute.

Per sfiorare la quasi maniacalità per le app di viaggio, consigliamo di scaricare anche Geosure, app che ci informa sulle statistiche dei crimini nei Paesi stranieri e nei quartieri delle città dove ci recheremo in vacanza. L’applicazione però fornisce anche dati economici, turistici, sanitari e altre informazioni utili ai viaggiatori.

Camminare sicuri con le app

Per gli amanti della montagna c’è AllTrails, un applicazione che indica ben 50.000 sentieri per le escursioni a piedi e in bicicletta nelle aree più interessanti e frequentate del turismo mondiale.

Nel vasto panorama delle applicazioni da viaggio citiamo anche:

  • Cool Cousing: permette di capire come saranno i tuoi vicini di casa in vacanza
  • CitiesTalking: offre una raccolta di visite audio guidate da scaricare nel telefono
  • Playground Around the Corner: ideale per chi viaggia con bambini, localizza e informa su un l’indirizzo preciso di tutti i parchi giochi in Europa e negli altri continenti.

Necessità di viaggio più importanti da non scordare

Fin quando il viaggio si tiene nei confini europei, la burocrazia è poca cosa data la presenza nell’UE dell’Italia, ma varcando tali soglie occorre tenere in considerazione quali documenti richiedono gli altri paesi per consentirci di accedervi. Ognuno ha le sue regole, ma di base la prima cosa da sbrigare è la richiesta del passaporto. In Australia e Canada abbiamo l’ETA come certificazione da ottenere per oltrepassare i confini di entrambi i continenti. Negli Stati Uniti vige il Visa Waiver Program, sviluppato per rafforzare le misure di sicurezza e garantire ai viaggiatori sicurezza e incolumità, il quale stabilisce che solo i cittadini di 38 paesi hanno vita facile per entrare negli USA. L’Italia è fra questi, difatti in quanto italiani possiamo richiedere l’ESTA (Sistema Elettronico Per l’Autorizzazione al Viaggio). Il processo di autorizzazione americano consiste in una procedura di screening che analizza le informazioni del viaggiatore e determina la sua ammissibilità a recarsi negli Stati Uniti. Fortunatamente il sistema online è semplice e funzionale: bastano pochi minuti per compilarlo.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *